Un progetto di Fabio Mendolicchio (Chef Mendo) in collaborazione con sale e pepe logo

Toro – Settimana dal 09 al 15 settembre

Category : Segni di Terra Toro

Fortunati dal 21 aprile al 20 maggio

Ingrediente speciale: Burro artigianale
Verdura Porta Fortuna: Funghi
Lo Chef consiglia: Se sei un cuoco inventati un nuovo piatto, diversamente immaginalo. Metti a fuoco qualcosa di nuovo che non per forza deve essere totalmente vergine. Immagina una nuova etichetta per l'olio d'oliva. Immagina un ripieno diverso per gli agnolotti che ti sei preposto di fare. Immagina un tipo di lasagne diverso. Immagina un formaggio da fare alla griglia e a un modo per non farlo colare nella carbonella. Immagina una pizza diversa da quelle che trovi abitualmente nei menù delle pizzerie. Immagina semplicemente un inizio stagione dato dalla novità ricorrente ed esprimi un desiderio! C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi d’antico: io vivo altrove, e sento che sono intorno nate le viole. Giovanni Pascoli
Piatto della settimana: Risotto ai funghi porcini
Frutto magico: Uva fragola
“Uno dei grandi piaceri della vita sta nel fare quello che la gente dice che non riuscirai a fare.” Walter Bagehot
Forse non tutti sanno che...?

Con le sue ricche sfumature cromatiche e profumo e sapore che si distinguono per la particolare intensità, il riso Venere è entrato nella tavola degli italiani ed è sempre più apprezzato, oltre che per il gusto, per le sue tante proprietà tutte da scoprire.

Le origini
Il riso Venere si caratterizza per il chicco piccolo e profumato di colore scuro, le cui tonalità variano dal marrone intenso al nero. La sua coltivazione è oggi diffusa nel nostro Paese principalmente in Piemonte e Lombardia ma arriva, come molte varietà di risi scuri, da Oriente e in particolare dalla Cina dove il riso nero era considerato un alimento pregiato per le complessità legate alla coltivazione e quindi riservato alle tavole più nobili. Alla fine degli anni Novanta, in Piemonte, venne incrociata una varietà di riso bianco locale con un riso nero asiatico, dando vita alla varietà italiana Venere. La scelta di un nome così particolare è legata alle proprietà afrodisiache che in Oriente venivano attribuite al riso nero. Non sappiamo se queste antiche credenze siano vere, è vero però che il riso Venere ha tante benefiche proprietà.

In collaborazione con le fonti web
@