Un progetto di Fabio Mendolicchio (Chef Mendo) in collaborazione con sale e pepe logo

Pesci – Settimana dal 07 al 13 gennaio

Category : Pesci Segni d'Acqua

Fortunati dal 20 febbraio al 20 marzo

Ingrediente speciale: Origano
Verdura Porta Fortuna: Finocchi
Lo Chef consiglia: Iniziamo questo 2019 con l'annuncio strepitoso di Simon. Il passaggio di Giove in Decima casa dice, né più né meno, che i tempi sono maturi per compiere un salto di qualità. La metafora potrebbe essere direttamente anche in chiave gastronomica ma partendo dal fatto che nella loro dieta un ruolo importante ce l'hanno i legumi. Questo è il periodo delle lenticchie, favolose in minestra e per creme e preparazioni fredde, come si sà portano fortuna e soldi e possono sostituire egregiamente la carne in moltissime preparazioni. Ti invito a provarne diverse tipologie come la Beluga tonda nera, per via della somiglianza con il caviale.
Piatto della settimana: Tagliatelle al ragù di lenticchie
Frutto magico: Kiwi e noci
“Chi nel cammino della vita ha acceso anche soltanto una fiaccola nell’ora buia di qualcuno non è vissuto invano.” Madre Teresa di Calcutta
Forse non tutti sanno che...?

Il confine tra “fiore” e “ortaggio”, per il radicchio, è veramente labile. Uno, il Variegato di Castelfranco, è una sorta di grossa rosa in piena fioritura, aperta e tondeggiante, dalle tonalità pastello. L’altro, il Rosso di Treviso Tardivo, come certi tulipani, è slanciato e con foglie ben serrate, striate dal bianco purissimo delle costole che contrasta con il colore rosso intenso, vinoso, delle foglie. Entrambi prodotti Igp, sono tipiche cicorie trevigiane che nascono dai rigori dell’inverno e proprio al gelo devono la loro particolare croccantezza.

La freschezza di questi cespi, di sapore tra il dolce e l’amarognolo, viene esaltata dall’utilizzo a crudo, in insalata, ma sono ottimi anche in cottura: il duttile Variegato è ideale per involtini e perfino insoliti dessert; il Tardivo, oltre alle classiche preparazioni alla griglia o il tipico risotto, non disdegna ripieni e condimenti. Le mille interpretazioni di queste eccellenze venete sono affidate ogni anno ai migliori ristoratori della cosiddetta “Marca Trevigiana”, territorio d’elezione del radicchio rosso, punteggiato da castelli e ville palladiane.

In collaborazione con le fonti web
@