Un progetto di Fabio Mendolicchio (Chef Mendo) in collaborazione con sale e pepe logo

Leone – Settimana dal 03 al 09 maggio

Fortunati dal 23 luglio al 23 agosto

Ingrediente speciale: Erbe aromatiche fresche.
Verdura Porta Fortuna: Carote grattugiate.
Lo Chef consiglia: Periodo straordinario per te e chi ti sta attorno che ne è condizionato. Non solo hai più appetito ma vederti mangiare suggerisce il piacere di farlo. Non solo in cucina hai una grande voglia di fare, impastare, mescolare, impiattare, insomma dare vita a piatti che desideri poi mangiare. La tua energia che metti nel cibo ti ritorna indietro con il doppio della sua portata, ed è una gioia che si auto alimenta. È fortunato chi in questo momento si trova ad avere a che fare con te. Mantieni solo i piedi per terra, non dare troppo spazio al tuo ego che potrebbe partire per la tangente.
Piatto della settimana: Polpette di patate e fagioli in umido con cartote cotte nel sugo di pomodoro.
Frutto magico: Mandorle e cocco.
“Ragione e passione sono timone e vela della nostra anima navigante.” Kahlil Gibran
Forse non tutti sanno che...?

Quello che tutti sanno degli spinaci è che contengono molto ferro. L’associazione tra questo vegetale e la mitica figura di Braccio di Ferro, che riacquista le forze grazie a un barattolo di spinaci, ha aiutato le mamme e papà di numerose generazioni a convincere i bambini a mangiare le verdure. Tuttavia non è il solo nutriente a rendere questa pianta indispensabile per una dieta equilibrata. Infatti, gli spinaci contengono tante vitamine, tanti minerali e tanta clorofilla. Per questo, sono antiossidanti e hanno proprietà depurative e lassative.
Gli spinaci però contengono anche l’acido ossalico, che rende queste componenti – soprattutto il ferro e il calcio – poco assimilabili dall’organismo e quindi sconsigliati a chi soffre di calcoli renali o a chi ha bisogno di un forte apporto di calcio. Questa controindicazione può essere combattuta aggiungendo del succo di limone agli spinaci cotti: questo condimento dovrebbe rendere i nutrienti più assimilabili grazie all’azione dell’acido ascorbico sul ferro vegetale. In più, la clorofilla ci dà una mano, potenziando la metabolizzazione di calcio e ferro.
La presenza di vitamine del gruppo A, B e C, di acido folico, carotenoidi e luteina assicurano una stretta collaborazione tra spinaci e salute generale dell’organismo. Mentre la luteina protegge la vista, gli altri elementi svolgono una potente azioni antiossidante.
Consumarli crudi o cotti può fare la differenza nell’assimilazione dei nutrienti. Infatti, quando si lavano le foglie di spinaci, è bene non lasciarle in ammollo per evitare la perdita di alcuni degli elementi più importanti dal punto di vista nutrizionale. Se cotti, la perdita di queste sostanze sarà maggiore. Per questa ragione, soprattutto per chi ha bisogno di alti apporti di ferro e calcio, è consigliabile consumare gli spinaci crudi, magari in insalata.
Per quanto riguarda i valori nutrizionali, su 100 grammi di spinaci si assimilano 23 kcal, il che li rende un ingrediente perfetto per ogni dieta ipocalorica.

In collaborazione con le fonti web
@